Tecnologia e forma fisica - Popolo della rete
139
post-template-default,single,single-post,postid-139,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
salute-e-tecnologia

Tecnologia e forma fisica

Ci siamo! La prova costume è alle porte. Purtroppo tanti di noi fino ad ora non hanno avuto tempo, nè voglia (forse) di allenarsi. Oggi vi spiegheremo come arrivare in forma alla “prossima” prova costume, attraverso alcune tecnologie che ci aiuteranno durante tutto l’anno a monitorare il nostro peso e le nostre prestazioni.

Alcuni di questi possono essere Si tratta di prodotti di supporto all’attività fisica: ad esempio, la bilancia che vi aiuterà a controllare peso e massa grassa o il cardiofrequenzimetro per monitorare il battito e il sensore di corsa da applicare alle scarpe.

Oltre che un ottimo regalo, la bilancia diagnostica dispone di queste peculiarità:

  • Bluetooth, valori sempre sotto controllo
  • App & Software scaricabile gratuitamente (Apple + Android Store; verificare smartphone supportati)
  • Bilancia diagnostica innovativa con trasmissione automatica dei dati entro la portata del Bluetooth dopo l’apertura dell’app
  • 5 livelli di attività, 8 posizioni di memoria personali, portata 180 kg, graduazione 100g
  • Dimensioni: 30 x 30 x 2,3 cm; superficie d’appoggio in vetro di sicurezza

 

Per chi ama la corsa sono disponibili una miriade di oggetti, anche carini. Utilissimi bracciali da polso i cardiofrequenzimetri rilevano i valori durante la prestazione attraverso una app scaricata sul nostro smartphone. Per scegliere il vostro personale regalo, avete bisogno di alcuni fattori che lo rendano quanto meno affidabile:

 

  • Peso: se usate un cardio frequenzimetro fate sport di resistenza (corsa, maratona, nuoto, bicicletta, ..) quindi anche pochi grammi in meno possono fare la differenza
  • Dimensione: allo stesso modo del peso, meno ingombrante è il dispositivo meno ti accorgerai di indossarlo (sia l’orologio che la fascia cardio)
  • Fascia toracica: non tutti i modelli vengono venduti in abbinamento con la fascia cardio, che poi tramite una connessione wireless riesce a rilevare e trasmettere i tuoi battiti cardiaci al dispositivo. Consideralo quando confronti i prezzi, per non avere spiacevoli sorprese alla consegna del tuo nuovo acquisto
  • GPS: solo se hai il Gps incluso nel tuo orologio puoi avere informazioni quali l’altitudine, percorso e il tracciato del tuo percorso nelle mappe

Secondo gli ultimi sondaggi da parte dei maggiori produttori di di oggetti sportivi, il prossimo anno sarà l’anno del boom dei dispositivi hi-tech indossabili per monitorare e registrare i progressi personali, aumentare la motivazione e impostare l’allenamento. “Chi pratica fitness ama questi strumenti tecnologici perché costituiscono un aiuto non solo per misurare l’intensità dello sforzo durante l’allenamento, ma forniscono anche una spinta motivazionale, supportando gli atleti tra una sessione e l’altra, avvicinandosi in parte alla figura del personal trainer. In molti compilano una lista di buoni propositi per il nuovo anno a capo della quale spesso spicca il desiderio di dimagrire e rimettersi in forma.

Se questi dispositivi possono aiutare a perseverare nell’allenamento, e a raggiungere dunque i propri obiettivi, la loro diffusione è da ritenersi positiva e porterà con sé dei benefici” (Walter Thompson, professore associato presso il College of Education & Human Development presso la Georgia State University di Atlanta).

Ovviamente, l’allenamento per eccellenza è la corsa. Ne consegue che scegliere le scarpe giuste è sicuramente il miglior modo per iniziare ad allenarsi o mantenersi in forma. Ovviamente ogni scarpa ha le sue funzionalità. Bisogna comprare una scarpa adatta al terreno (corsa su asfalto, su pista, su sterrato, ecc.). In secondo luogo dobbiamo tenere presente che ogni scarpa da il meglio di sé in base alle nostre caratteristiche fisiche (peso, altezza etc) e soprattutto l’appoggio del piede. Quest’ultimo è chiamato “pronazione”, cioè la tendenza naturale del piede ad andare verso l’interno camminando o correndo per scaricare il perso sul terreno. Al contrario, se l’effetto è accentuato verso l’esterno l’appoggio è da “supinatore”.

Gli iperpronatori richiedono scarpe da running stabili, con intersuole rigide per offrire il massimo sostegno all’arcata plantare. I supinatori, invece, hanno bisogno di scarpe flessibili in grado di distribuire l’impatto in modo uniforme lungo il bordo esterno e nel tallone.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.